Il mal di schiena è un disturbo molto più comune di quanto si pensi, basti sapere che nella società Occidentale i casi di dolori lombari medi o molto intensi si presentano in due persone su tre. La preoccupazione principale di un professionista dell’osteopatia ruota tutta attorno alla prevenzione e al trattamento di questo disturbo. Il mal di schiena può essere facilmente trattato con l’osteopatia. In questo articolo spiegherò come è possibile alleviarlo sia tramite questa tipologia di terapia, sia adottando piccoli ma mutamenti nel proprio stile di vita, poiché non basta effettuare dei cambiamenti sporadici, bisogna essere costanti per riscontrare dei benefici concreti e duraturi nel medio-lungo termine.

Come si presenta il problema

Il mal di schiena si presenta solitamente sotto forma di dolori diffusi in diversi punti del tronco. Possono interessare sia la fascia bassa della muscolatura, sia la parte alta della schiena. I dolori possono essere acuti o sordi. I secondi sono molto più sopportabili ma si protraggono per più tempo. Soggetti a rischio sono gli individui che praticano una vita sedentaria, poiché possiedono muscoli molto meno tonici e tutto lo sforzo praticato grava sulla schiena. Se il dolore si protrae per una quantità eccessiva di tempo (dai due mesi in su’) molto probabilmente siamo di fronte ad un problema più grosso, come il sintomo di un infiammazione da strappo muscolare o simile, arrivata al suo stadio cronico.

Mal di schiena e trattamenti osteopatici

L’osteopatia è il modo migliore di trattare il mal di schiena. Non ci sono limiti di età, poiché è adatta a tutti, dal neonato all’anziano. Interviene sulla struttura ossea, sui muscoli e sui tessuti connettivi per poter risolvere uno specifico problema (cervicale, sciatica, lombalgia, artrite e molti altri). La prima cosa che l’osteopata farà, quando ci si sottopone ad una visita, è la valutazione del dolore, tenendo in considerazione anche eventuali atteggiamenti posturali sbagliati. Verrà valutata anche la mobilità delle articolazioni con test palpatori, dopodiché si procede al trattamento vero e proprio che consiste nella manipolazione fisica della zona dolorante per ripristinarne la mobilità.

Rimedi palliativi per il mal di schiena

Per convivere felicemente con il mal di schiena è importantissima la scelta del materasso. Perché? dal momento che passiamo a letto un quarto della nostra vita, è vitale assicurarsi che la superficie su cui dormiamo sia la migliore possibile e non danneggi le nostre schiene già provate. Quando scegliamo un materasso, è importantissimo tener conto di alcuni valori.

  • materiale: è vitale che non sia rigido
  • resistenza al peso: deve sostenere la colonna vertebrale
  • resilienza: deve mantenere la stessa forma il più a lungo possibile

Qualora il materasso da voi scelto sia in grado di rispettare tutti questi criteri, allora siete sulla strada giusta, molto probabilmente siete di fronte ad un prodotto qualitativamente valido. Ai miei pazienti consiglio sempre un materasso in memory foam, un materiale plastico-sintetico, estremamente resistente, perfetto per la realizzazione di materassi ortopedici. Con queste tipologie di dispositivi anche chi soffre di dolori lombari acuti è in grado di riposare correttamente.

Oltre alla superficie dove si dorme, consiglio sempre di praticare attività fisica regolare, in modo da allenare tutti i muscoli dorso-lombari e prevenire l’insorgere del mal di schiena. Sopratutto se siete in età avanzata, evitate di alzare pesi eccessivi con la schiena e se proprio si deve, è opportuno alzarli piegandosi sulle ginocchia. Il mal di schiena può essere anche di origine psicosomatica, dunque è opportuno sempre indagarne attentamente le cause e prestare la massima attenzione al proprio benessere psico-fisico. Per oggi è tutto, non dimenticate di prendervi cura della vostra schiena, ne avete solo una!

Dott. Stramenga, Osteopata

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *